(IN) Netweek

MILANO

Un tesoro tra agricoltura e turismo L’impegno della Regione per valorizzazione questi territori e le microeconomie di filiera

Share

Valorizzare i piccoli Comuni lombardi e le loro produzioni in sinergia con i sindaci e le organizzazioni di rappresentanza, per dare sviluppo ai territori. È l'impegno preso dagli assessori di Regione Lombardia Pietro Foroni (Territorio e Protezione civile), Fabio Rolfi (Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi), Lara Magoni (Turismo e Marketing territoriale) e Massimo Sertori (Piccoli Comuni, Montagna ed Enti locali) al convegno della Coldiretti regionale “Comunità e territori per il futuro della Lombardia”, che si è svolto giovedì 4 ottobre a Milano, alla presenza, tra gli altri, di Ettore Prandini, presidente Coldiretti Lombardia, Massimo Castelli, coordinatore nazionale Piccoli Comuni Anci (Associazione nazionale Comuni italiani) e Michel Marchi, coordinatore regionale Piccoli Comuni Anci.

In Lombardia - ha spiegato la Coldiretti regionale - i borghi con meno di cinquemila abitanti sono 1.055, pari a quasi il 70% delle amministrazioni locali, e rappresentano più del 60% del territorio. A livello provinciale, a Bergamo sono 167, a Pavia 164, a Brescia 134, a Como 117, a Cremona 103, a Varese 90, a Sondrio e Lecco 71, a Lodi 53, a Mantova 40, a Milano 35, a Monza Brianza 10. Tutti i 34 prodotti lombardi Dop e Igp (denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta) riconosciuti in Europa, del valore di oltre 1,5 miliardi di euro, nascono nella rete dei piccoli Comuni.

Piccoli Comuni con grandi opportunità, che custodiscono, secondo i più recenti dati di Coldiretti, veri e propri tesori da valorizzare per creare nuovo sviluppo economico. «Oggi è determinante lavorare al fianco delle istituzioni comunali per creare le condizioni necessarie a sviluppare il turismo, non solo attraverso le produzioni di nicchia, ma anche trovando le modalità per valorizzare le grandi produzioni territoriali», ha spiegato Prandini.

«Nei piccoli Comuni l'agricoltura è l'attività economica che contribuisce a tenere viva una comunità - ha dichiarato Rolfi - È necessario dunque adottare politiche differenziate per le piccole realtà, anche a livello burocratico e, come Regione, ci impegniamo su questo fronte». «Nel Piano annuale del turismo ho già inserito l'attenzione verso i territori marginali e le loro produzioni - ha aggiunto Magoni - Oggi il turista è un intenditore, organizza il suo viaggio in base ai prodotti enogastronomici di qualità: ecco perché dobbiamo puntare a un turismo dei piccoli territori, facendo conoscere gusti e sapori grazie a un'azione di promozione coordinata tra Istituzioni, associazioni ed Enti locali».

«La difesa del suolo passa anche dalla valorizzazione dei prodotti locali - ha sottolineato Foroni - Per farlo servono consapevolezza delle potenzialità che abbiamo e delle eccellenze agroalimentari che spingono un turismo sempre più di prossimità». «La strategia che il Governo regionale sta sviluppando in questa direzione è investire su questa trama di piccoli e medi Comuni sparsi su tutto il nostro territorio, dedicando loro una particolare attenzione con misure adatte alle loro reali esigenze» ha ricordato Sertori.

Leggi tutte le notizie su "Paderno Dugnano"
Edizione digitale

Autore:gmc

Pubblicato il: 08 Ottobre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.