(IN) Netweek

MILANO

Manovra da 80 milioni, con 52 di investimenti Lombardia Informatica sarà inglobata in Arca

Share

Via libera a maggioranza in Consiglio regionale, con 43 voti a favore e 29 contrari, alla manovra di assestamento al bilancio di previsione per il triennio 2018-2020, prima manovra finanziaria della nuova legislatura, che prevede spostamenti per circa 80 milioni di euro con una previsione di quasi 52 milioni di euro di nuovi investimenti.

Un emendamento presentato dall’assessore al Bilancio Davide Caparini e approvato a maggioranza prevede che «al fine di conseguire maggiori livelli di efficienza ed economicità» entro dodici mesi dall’entrata in vigore della legge di assestamento «la Giunta regionale dovrà compiere tutti gli atti necessari a rendere effettiva la fusione per incorporazione di Lombardia Informatica SpA nell’Azienda Regionale Centrale Acquisti (Arca)». Tale provvedimento, come ha spiegato l’assessore Caparini, recepisce le indicazioni della Corte dei Conti e consentirà nell’immediato un risparmio di circa 490mila euro legato ai soli costi di funzionamento della governance. I gruppi di minoranza hanno richiesto che sul processo di riorganizzazione del sistema delle società partecipate regionali ci sia prossimamente una discussione e un coinvolgimento diretto di tutto il Consiglio regionale con l’obiettivo di definire un percorso il più possibile condiviso. «Le partecipate della Regione vanno certamente razionalizzate - ha dichiarato il capogruppo del Pd Fabio Pizzul - ma la mossa di oggi non sembra rispondere a un ragionamento ponderato e condiviso, anche perché le funzioni di Lombardia Informatica sono molto più ampie e settoriali rispetto alla centrale acquisti. Bene la volontà di razionalizzare, ma non possiamo condividere il metodo».

Tra gli aspetti più significativi della manovra, si segnalano la volontà di mantenere inalterata la pressione fiscale; il contenimento delle spese di funzionamento, tra cui viene evidenziata la riduzione del 50% delle spese di comunicazione, con riallocazione dei risparmi ottenuti su interventi per l’integrazione scolastica degli studenti disabili per 6 milioni di euro; il rilancio degli investimenti, con una spesa aggiuntiva sul triennio pari a 127 milioni; la necessità di completare il processo di retrocessione nel bilancio regionale delle risorse regionali gestite da Finlombarda.

Vengono inoltre incrementate le risorse destinate a interventi in materia di edilizia scolastica e gli stanziamenti destinati ai grandi eventi sportivi a carattere nazionale e internazionale, tra cui la promozione dei Giochi Olimpici invernali del 2026.

Leggi tutte le notizie su "Paderno Dugnano"
Edizione digitale

Autore:gmc

Pubblicato il: 06 Agosto 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.