(IN) Netweek

MILANO

Ben 12 persone in carcere, 16 agli arresti domiciliari e 95 indagati

Share

I numeri del blitz della Direzione Distrettuale Antimafia raccontano meglio di tante parole dell’importanza della nuova inchiesta di corruzione che ha toccato diverse istituzioni, a partire da Regione Lombardia: 12 arresti in carcere, 16 persone ai domiciliari, 15 agli obblighi di dimora e 95 indagati. A coordinare questa maxi operazione sono stati 250 militari, tra carabinieri e finanzieri, che hanno eseguito le misure cautelari nelle province di Milano, Varese, Monza e Brianza, Pavia, Novara, Alessandria, Torino e Asti.

Regione Lombardia risulta coinvolta per l’arresto del sottosegretario all’Area Expo, Fabio Altitonante, esponente di Forza Italia, attualmente ai domiciliari. Nell’inchiesta risulta indagato anche il consigliere regionale Angelo Palumbo, presidente della Commissione Territorio e Infrastrutture. E risulta indagato per abuso d’ufficio pure il governatore Attilio Fontana per aver nominato nel Nucleo di revisione Luca Marsico, ex consigliere regionale esocio nello studio legale di Fontana a Varese.

Il Comune di Milano risulta coinvolto attraverso il consigliere Pietro Tatarella, nonchè vice coordinatore regionale di Forza Italia e candidato alle elezioni europee sempre per Fi. Il consigliere - una delle figure centrali dell’inchiesta - si trova in carcere con l’accusa di associazione a delinquere e corruzione. A Palazzo Marino sono coinvolti anche due funzionari comunali, entrambi indagati per abuso d’ufficio. Si tratta di Franco Zinna, direttore dell’Ufficio Urbanistica, e Maria Rosaria Coccia, geometra dello stesso ufficio. L’inchiesta ha raggiunto anche Varese dove risulta coinvolto Gioacchino Caianello, dominus di Forza Italia e già condannato nel 2017 per concussione.

Leggi tutte le notizie su "Paderno Dugnano"
Edizione digitale

Autore:gcf

Pubblicato il: 13 Maggio 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Si parla di:



Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.